Misure di protezione individuali - misure di protezione dalle punture delle zanzare - Unione dei Comuni della Bassa Romagna

Vai ai contenuti principali
 
 
Sei in: Home » Guida ai Servizi » Ambiente e Verde » Animali infestanti » Lotta alle zanzare » Misure di protezione individuali - misure di protezione dalle punture delle zanzare  

Guida ai Servizi

 

Misure di protezione individuali - misure di protezione dalle punture delle zanzare

 

L’adozione di misure idonee a ridurre il disagio dovuto alle punture di zanzara è consigliata a prescindere dal rischio di trasmissione delle arbovirosi (basta la presenza di zanzare).L’approccio alla prevenzione contro le punture di zanzara è influenzato dal livello di protezione necessaria in una specifica situazione e può essere richiesto di associare piùmisure protettive in funzione di un’alta concentrazione di vettori.Le misure di protezione, di seguito sintetizzate, vanno applicate in particolare nelle oreserali-notturne, se il problema è rappresentato dalla zanzara domestica Culex pipiens,(vettore acclarato del virus West Nile) tenuto conto delle sue abitudini crepuscolari. In casodi zanzara tigre, invece, è opportuno proteggersi nelle prime ore del mattino e sempre nelle ore crepuscolari.

Per attività all'aperto.

- Si consiglia di indossare indumenti di colore chiaro che coprano il più possibile(con maniche lunghe e pantaloni lunghi).

- Evitare i profumi, le creme e i dopobarba che attraggono gli insetti.

- È possibile utilizzare repellenti cutanei per uso topico.

  * Questi prodotti vanno applicati sulla cute scoperta, compreso il cuoio capelluto, qualora privo di capelli.

 * Per trattare il viso dispensare il prodotto sul palmo delle mani e attraverso queste portare il prodotto sul viso; in seguito lavare le mani.

  * I repellenti non vanno applicati sulle mucose (labbra, bocca), sugli occhi, sulla cute irritata o ferita.

 * Possono essere eventualmente spruzzati sui vestiti per aumentare l’effetto protettivo.

 * Adottare grande cautela nell'utilizzo nei bambini. Evitare di fare applicare il repellente direttamente da un bambino perché il prodotto potrebbe giungere in contatto con occhi e bocca. È consigliabile che il bambino tenga gli occhi chiusi e trattenga il respiro mentre un adulto cosparge il repellente.

  * Non utilizzare repellenti nei bambini al di sotto di tre mesi di vita.

 * Nei bambini con età compresa tra 2 mesi e 3 anni non utilizzare repellenti ma applicare eventualmente repellenti solo sulla parte esterna dei capi di abbigliamento, nelle parti che non possano essere succhiate.

 * In letteratura non sono disponibili raccomandazioni o precauzioni supplementari per l'utilizzo su donne in gravidanza o in allattamento; si rinvia pertanto a quanto dichiarato dai produttori. In ogni caso bisogna seguire scrupolosamente le indicazioni, fornite dal fabbricante, riportate sulla confezione.

 * Non è raccomandato l’impiego di prodotti combinati, che contengono sia fattori di protezione contro il sole sia prodotti repellenti contro le zanzare, per ischio di utilizzo improprio o eccessivo.

 * La durata della protezione dipende dalla concentrazione del principio attivo nel prodotto: i prodotti con una concentrazione più elevata proteggono per un periodo più lungo. In genere la durata della protezione è accorciata in caso di aumento della sudorazione ed esposizione all'acqua.

- Le persone che svolgono attività professionali all’aperto in orari compatibili con la maggiore attività del vettore, in zone ad alta densità di infestazione, potrebbero trattare gli abiti con permetrina (0,5 gr/m2).

  * Lo spray è da riservare agli indumenti, non va utilizzato sulla cute.

 * Occorre irrorare gli abiti su entrambi i lati e lasciare asciugare prima di indossare (24-48 ore prima).

 * Il trattamento è generalmente efficace per una settimana.

  * L’uso di permetrina spray sugli abiti può essere associato all’impiego di repellenti cutanei.

All’interno delle costruzioni

- Quando possibile, utilizzare il condizionatore.

- Quando non è possibile l’uso del condizionatore, schermare porte e finestre con zanzariere o reti a maglie strette, ovvero tenerle chiuse in caso si sia dotati di condizionamento; per la protezione di culle e lettini possono essere utilizzati anche veli di tulle di cotone.

- È possibile utilizzare apparecchi elettroemanatori di insetticidi liquidi o a piastrine o zampironi, ma sempre con le finestre aperte.

- In presenza di zanzare all’interno delle abitazioni, si può ricorrere a prodotti a base di estratto o derivati del piretro (in commercio in bombolette spray),insetticida a rapida degradazione, in particolare dopo ventilazione dell’ambiente.

 

Raccomandazioni specifiche per scuole dell’infanzia e asili nido

- Per quanto riguarda la protezione diretta del bambino, evitare di utilizzare profumi, utilizzare indumenti di tessuto leggero e di colore chiaro, che coprano il più possibile (con maniche lunghe e pantaloni lunghi compatibilmente con le condizioni climatiche); calzini e scarpe chiuse quando si va nell’erba.

- Quando i bambini sono all'esterno dell’edificio, utilizzare idonei prodotti repellenti sulla cute scoperta, nel rispetto delle indicazioni d’uso riportate in etichetta. Tali prodotti hanno efficacia per un tempo limitato, variabile da prodotto a prodotto. È indispensabile utilizzare i prodotti repellenti indicati per l’età del soggetto (particolare attenzione nella prima infanzia) per evitare dermatiti, reazioni allergiche, irritazione agli occhi e, seppure in casi limitati,effetti neurotossici.

- All'interno dei locali scolastici dedicati al riposo, sarebbe indicato schermare porte e finestre con zanzariere o proteggere culle e lettini con veli di tulle di materiale ignifugo.

 

L’adozione delle misure sopra descritte va:

  * rinforzata allorché sia dimostrata la presenza del virus nel vettore (livello di rischio 2)

 * raccomandata al verificarsi di casi di malattia nell'uomo e/o negli equidi (livello di rischio 2).

Si riportano di seguito le principali caratteristiche e le concentrazioni consigliate dei repellenti cutanei (tali prodotti non sono efficaci contro punture da imenotteri, formiche o ragni, che pungono per difesa).

 

 

Prodotti con più fonti bibliografiche

DEET - dietiltoluamide

È presente in commercio a varie concentrazioni dal 7 al 33,5%. È utile nella maggior parte dei casi, e come per tutti i repellenti cutanei, deve essere utilizzato solo come indicato sulla confezione del prodotto.Una concentrazione media di 24% conferisce una protezione fino a 5 ore. La disponibilità di DEET micro incapsulato consente l’impiego di una minore concentrazione del prodotto e un prolungamento della durata d’azione.I prodotti disponibili al momento in commercio non sono generalmente destinati all'impiego nei bambini: il DEET è indicato per soggetti al di sopra dei 12 anni, anche se la letteratura riporta un eventuale impiego nei bambini solo qualora consentito dal fabbricante. Tale impiego deve avvenire con la massima cautela a causa di possibili eventi neurotossici, in particolare in caso di utilizzo ripetuto improprio.Non sono disponibili studi sull'impiego di DEET nel primo trimestre di gravidanza. Un eccessivo assorbimento del prodotto attraverso la pelle può causare dermatiti, reazioni allergiche o, anche se raramente, neurotossicità .Il DEET può danneggiare materiale plastico e abbigliamento in fibre sintetiche.Il DEET può ridurre l’efficacia di filtri solari; in caso di necessità, utilizzare prima la crema solare poi ilrepellente.È efficace anche contro le zecche e le pulci.

Picaridina/icaridina (KBR 3023)

Ha protezione sovrapponibile al DEET. I prodotti in commercio hanno una concentrazione tra 10 e 20% ed efficacia di circa 4 ore o più. Ha un minore potere irritante per la pelle rispetto al DEET. Sono disponibili in commercio prodotti destinati anche ai bambini, ma per l’uso occorre attenersi alle indicazioni del fabbricante. Non degrada la plastica e non macchia i tessuti. È efficace anche contro le zecche.

Prodotti con minori fonti bibliografiche

Citrodiol  (PMD).
Ha una efficacia inferiore al DEET e una durata di effetto inferiore (tre ore circa). È irritante per gli occhi e non deve essere utilizzato sul viso.Porre attenzione all'uso nei bambini, qualora previsto dal produttore, per il rischio di tossicità oculare.

IR3535 (ethyl butylacetylaminopropionate).

Alla concentrazione del 7,5% conferisce protezione per 30 minuti.

 
Brochure Repellenti (1.251kB - PDF)

 

Aggiornamento 30/08/2019

 

Servizi per fasce d'età e di interesse

 
 

Come fare per

 
 
Esprimi il tuo parere sulla pagina
 
 
Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative*
Si
No, e ti dico il perchè
 
Dettagli
 
Nome e cognome