Botteghe Storiche e Mercati storici, iscrizione all'Albo Comunale - Unione dei Comuni della Bassa Romagna

Vai ai contenuti principali
 
 
Sei in: Home » Guida ai Servizi » Attività produttive » Botteghe Storiche e Mercati storici, iscrizione all'Albo Comunale  

Guida ai Servizi

 

Botteghe Storiche e Mercati storici, iscrizione all'Albo Comunale

DESCRIZIONE

L’Albo comunale delle botteghe storiche e dei mercati storici viene istituito dal Comune ai sensi della Legge Regionale n. 5 del 10.03.2008 “Promozione e valorizzazione delle botteghe storiche”.
Finalità della LR 5/2008 è la conoscenza e la valorizzazione delle attività commerciali ed artigianali aventi valore storico, artistico, architettonico ed ambientale, che costituiscono testimonianza della storia, dell'arte, della cultura e della tradizione imprenditoriale e mercatale dei singoli Comuni e dei loro territori.
L’iscrizione all’Albo costituisce inoltre titolo di priorità, ai fini della concessione dei contributi di cui alla LR 41/1997, per gli interventi riguardanti le botteghe storiche e i mercati storici.

 

MODALITA'

L’iscrizione all’Albo è subordinata alla presentazione della richiesta formale da parte del gestore del locale (con l’assenso del proprietario), salvo il caso dei Mercati gestiti dai Comuni.

 

 

REQUISITI   

Ai sensi dell’art. 2 della LR n. 5/2008, il riconoscimento quale “Bottega storica” e “Mercato storico”, può essere attribuito a esercizi commerciali al dettaglio o di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande, a imprese artigiane ed a mercati su aree pubbliche, in possesso dei seguenti requisiti:
1. svolgimento della stessa attività nello stesso locale o nella stessa area pubblica da almeno 50 anni, senza soluzione di continuità, a prescindere dagli eventuali mutamenti di denominazione, insegna, gestione o di proprietà, a condizione che siano state mantenute le caratteristiche originarie dell’attività.
Nel caso di pubblici esercizi recanti la denominazione “Osteria”: svolgimento della stessa attività nello stesso locale da almeno 25 anni, senza soluzione di continuità, a prescindere dagli eventuali mutamenti di denominazione, insegna, gestione o di proprietà, a condizione che siano state mantenute le caratteristiche originarie.
Nel caso di farmacie e tabaccherie, attualmente in possesso di idoneo titolo per lo svolgimento dell’attività commerciale, i 50 anni sono riferiti alla attività prevalente;
2. collegamento funzionale e strutturale dei locali e degli arredi con l’attività svolta, al fine di dare il senso di un evidente radicamento nel tempo dell’attività svolta;
3. presenza nelle aree, nei locali, negli arredi, sia interni che esterni, di elementi, strumenti, attrezzature e documenti di particolare interesse storico, artistico, architettonico, ambientale e culturale, o particolarmente significativi per la tradizione e la cultura del luogo.

 

 

DOCUMENTI DA PRESENTARE

 La domanda dovrà contenere:
a) l’individuazione dell’esercizio o del mercato proposti come bottega storica o del mercato storico,
b) una scheda documentaria contenente:
  1) la denominazione dell’attività e la specifica dell’attività svolta;
  2) la data di prima autorizzazione dell’attività storicamente significativa;
  3) una descrizione sintetica dell’attività e delle eventuali connessioni con le attività produttive, culturali e turistiche;
  4) la documentazione fotografica a colori e/o in bianco/nero - se esistente - che rappresenti, in forma esaustiva, l’insegna, le pertinenze e i locali di
  svolgimento dell’attività;
  5) la planimetria dei locali e delle relative pertinenze, almeno in scala 1:200;
c) una raccolta della documentazione storica dell’esercizio o del mercato (con la produzione di documenti visivi, audiovisivi, cartacei atti a documentare
  il particolare rilievo e la sua permanenza nel tempo);
d) una relazione in cui dovranno essere descritti:
  - le caratteristiche dell’esercizio o del mercato, la sua evoluzione nel tempo e il grado di conservazione dei caratteri storici;
  - le peculiarità architettoniche, di arredo, di servizio che rendono l’esercizio o il mercato meritevole di qualificazione regionale.

 

COSTO

Nessun costo previsto, la domanda è in carta libera.

 

 

TEMPO DI RILASCIO  

La domanda richiede una scrupolosa istruttoria da parte dell’ufficio competente, in merito alla verifica dei requisiti previsti dalla legge.
Le domande relativamente alle quali non è comunicato provvedimento di diniego, decorsi novanta giorni dalla data di presentazione, sono da ritenersi accolte. Il Comune, entro trenta giorni dal ricevimento della domanda, provvede a richiedere all'interessato l'integrazione della documentazione eventualmente mancante. I termini di cui al presente punto sono interrotti fino al ricevimento, da parte del Comune, della documentazione richiesta.

 

 

ALTRE NOTIZIE  

L’iscrizione all’Albo comunale delle botteghe storiche e dei mercati storici e conseguente all’accoglimento della domanda, comporta vantaggi ma anche specifici obblighi:
VANTAGGI:  
• promozione turistica derivante dall’inserimento nel circuito regionale delle botteghe storiche e dei mercati storici;
• possibilità di avvalersi del marchio distintivo approvato e fornito dalla Regione Emilia–Romagna, che potrà essere collocato nel locale dove ha luogo l'attività o al suo esterno, nonché utilizzato nelle comunicazioni aziendali e in materiale promozionale e pubblicitario;
• titolo di priorità ai fini della concessione dei finanziamenti regionali per la valorizzazione e promozione dei mercati e delle botteghe storiche.
CONSEGUENZE (ART. 5 DELLA LR 5/2005):  
• L’istituzione dell’Albo riveste anche una finalità conservativa. Le proposte di intervento per il restauro e la valorizzazione della struttura edilizia o degli arredi, della conformazione degli spazi interni, delle vetrine e ogni altro elemento di decoro, che i proprietari ed i gestori delle botteghe storiche presentano al Comune, successivamente all’iscrizione, devono essere tali da non pregiudicare i requisiti originari per l'appartenenza all'Albo (immagine storica e tradizionale delle attività), pena la cancellazione.

 

 

DOVE RIVOLGERSI  

Unione dei Comuni della Bassa Romagna
Area Territorio, Servizio SUAP
Piazza Trisi, 4 - 48022 Lugo (RA)

COME CONTATTARCI

Orari: Lunedì, Mercoledì e Venerdì dalle 9 alle 13.
Mart. pom. dalle 15 alle 17   
Tel. 0545 38541 Fax 0545 38371

sportellounico@unione.labassaromagna.it

 

Altri sportelli territoriali:

vedi la voce "Uffici e Servizi"  

 

 

RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

Vespignani Federico

 

Referenti:

Comune di Alfonsine:  Michaela Basigli Tel.0545 38305 email: basiglim@unione.labassaromagna.it

Comune di Bagnacavallo:  Ilaria Rambelli Tel.0545 38388 email: rambellii@unione.labassaromagna.it  

Comune di Bagnara di Romagna:  Damiana Babini Tel.0545 38307 email: babinid@unione.labassaromagna.it

Comune di Conselice:  Michaela Basigli Tel.0545 38305 email: basiglim@unione.labassaromagna.it

Comune di Cotignola:  Gianni Damiano Tel.0545 38451 email: damianog@unione.labassaromagna.it

Comune di Fusignano:  Gianni Damiano Tel.0545 38451 email: damianog@unione.labassaromagna.it

Comune di Lugo:  Ilaria Rambelli Tel.0545 38388 email: rambellii@unione.labassaromagna.it
Gianni Damiano Tel.0545 38451 email: damianog@unione.labassaromagna.it

Comune di Massa Lombarda:  Damiana Babini Tel.0545 38307 email: babinid@unione.labassaromagna.it

Comune di Sant’Agata sul Santerno:  Michaela Basigli Tel.0545 38305 email: basiglim@unione.labassaromagna.it

 

 

Aggiornamento scheda  

23 giugno 2017

 

 

 

Servizi per fasce d'età e di interesse

 
 

Come fare per

 
 
Esprimi il tuo parere sulla pagina
 
 
Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative*
Si
No, e ti dico il perchè
 
Dettagli
 
Nome e cognome