Rsparmio energetico: risparmio idrico - Unione dei Comuni della Bassa Romagna

Vai ai contenuti principali
 
 
Sei in: Home » Guida ai Servizi » I servizi dalla A alla Z » Rsparmio energetico: risparmio idrico  

Guida ai Servizi

 

Rsparmio energetico: risparmio idrico

Nel corso del 2011 a causa delle limitate precipitazioni atmosferiche è perdurata una condizione di siccità che ha sensibilmente intaccato le riserve idriche, in particolare della Diga di Ridracoli. 

I Sindaci dell’Unione della Bassa Romagna, in seguito al decreto della Regione Emilia-Romagna con il quale è stato dichiarato lo stato di crisi idrica regionale fino al 31 maggio 2012 nel territorio delle province di Forlì-Cesena, Ravenna e Rimini, hanno emanato ordinanze per limitare il consumo di acqua nei rispettivi territori comunali .

I provvedimenti si sono resi necessari per l'assenza di precipitazioni significative in Romagna che dura da oltre 4 mesi e che, in base alle previsioni meteo di Arpa, si protrarrà anche nelle prossime settimane.

La mancanza di pioggia ha, infatti, portato alla progressiva diminuzione del volume d'acqua nell'invaso di Ridracoli, che ha raggiunto nei giorni scorsi lo stato di preallarme con un valore inferiore ai 6 milioni di metri cubi d'acqua.

Le ordinanze emanate dei Sindaci della Bassa Romagna riguardano l’utilizzo virtuoso di acqua potabile sia a livello industriale-commerciale che a livello civile  chiedendo a tutti gli utenti di limitare il prelievo e il consumo dell’acqua derivata da pubblico acquedotto , agli stretti bisogni igienico-sanitari e domestici.

Nel dettaglio la cittadinanza è invitata ad evitare ogni spreco  e ad adottare ogni accorgimento teso a risparmiare il consumo di acqua.

Si inviata a:

  • utilizzare i miscelatori di aria nei rubinetti che possono consentire un risparmio idrico fino al 50%;
  • non utilizzare l’acqua corrente per il lavaggio di piatti o verdure, ma solo nella fase di risciacquo;
  • preferire la doccia al bagno: ciò consente un risparmio d’acqua fino al 75%, se si ha l’accortezza di chiudere l’acqua mentre ci si insapona.

Il provvedimento inoltre vieta fino al 31 maggio 2012  l’impiego di acqua potabile per:

  • il lavaggio di aree cortilizie e piazzali;
  • il lavaggio domestico di veicoli a motore;
  • il riempimento di piscine, fontane ornamentali, vasche da giardino e il funzionamento di fontanelle a getto continuo.

Hera Spa dovrà invece occuparsi di provvedere alla chiusura delle fontane ornamentali, non provviste di sistema di ricircolo e delle fontanelle di erogazione prive del rubinetto di arresto e di contenere gli utilizzi d’acqua potabile non indispensabili, quali il lavaggio periodico delle strade ed il lavaggio interno ed esterno dei contenitori rifiuti.

Le inadempienze agli ordini e ai divieti espressi dalle ordinanze saranno sanzionati  a norma di legge nella misura compresa fra i 25 euro e i 500 euro. La sanzione sarà imputata in solido a chi risulterà avere titolo per disporre legittimamente del sito o dei siti dove tali inadempienze avranno luogo.

 

Servizi per fasce d'età e di interesse

 
 

Come fare per

 
 
Esprimi il tuo parere sulla pagina
 
 
Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative*
Si
No, e ti dico il perchè
 
Dettagli
 
Nome e cognome