Denuncia di Deposito per interventi locali ai sensi L.55/2019 - art. 94 bis/DPR 380/01 - Unione dei Comuni della Bassa Romagna

Vai ai contenuti principali
 
 
Sei in: Home » Guida ai Servizi » Sismica » Denuncia di Deposito per interventi locali ai sensi L.55/2019 - art. 94 bis/DPR 380/01  

Guida ai Servizi

 

Denuncia di Deposito per interventi locali ai sensi L.55/2019 - art. 94 bis/DPR 380/01

 

Il decreto-legge n. 32/2019 convertito in Legge n. 55/2019 ha modificato gli articoli articoli 65, 67 e 93 del DPR 380/01 e inserito nello stesso decreto l'art. 94 bis. L'art. 94 bis al comma 1 introduce gli "interventi di minore rilevanza" non soggetti ad autorizzazione preventiva.

Con DGR n. 924 del 05/06/19 (pubblicata sul BUR n. 186 dell'11 giugno 2019 e pertanto operativa dal 12/06/2019), che integra quanto previsto dalla DGR n. 828 del 31/05/19, si individuano le RIPARAZIONI e gli INTERVENTI LOCALI sulle costruzioni esistenti quali INTERVENTI DI MINORE RILEVANZA AI FINI DELLA PUBBLICA INCOLUMITA' ad esclusione dei casi in cui i medesimi interventi sono comunque soggetti ad autorizzazione sismica ai sensi dell'art. 11, comma 2 lettere a), b), e c) della LR 19/2008.

Gli interventi di riparazione e gli interventi locali definiti al paragrafo 8.41 del DM 17/01/2018 e specificati al paragrafo C8.4.1 della relativa circolare n. 7/2019
che NON riguardano:
- abitati dichiarati da consolidare, di cui all'art. 11 comma 2 lettera a) della LR19/08,
- violazione alle norme tecniche antisismiche, di cui all'art. 11 comma 2 lettera b) della LR 19/08,
- costruzioni di interesse strategico o rilevante, di cui all'art. 11 comma 2 lettera b) LR 19/08
sono assoggettati a DEPOSITO ai sensi dell'art. 93 del DPR 380/01 e sottoposti a controllo a campione secondo la normativa regionale vigente.

Per i restanti interventi continua a trovare applicazione la disciplina regionale prevista dal titolo IV della LR 19/08.

In attesa di specifiche disposizioni da parte della Regione Emilia-Romagna, LE PRATICHE SISMICHE RELATIVE A "INTERVENTI LOCALI DI MINORE RILEVANZA" PRESENTATE A PARTIRE DAL 12 GIUGNO 2019 SARANNO TRATTATE COL PROCEDIMENTO DEL DEPOSITO DEL PROGETTO ESECUTIVO RIGUARDANTE LE STRUTTURE COME REGOLAMENTATO DALL'ART. 13 DELLA LR 19/08.

 

Pratiche relative ai Comuni dell'Unione Valli e Delizie (Argenta, Ostellato e Portomaggiore) - Orari e sedi

 

MODALITA'

ll richiedente dovrà depositare allo sportello dell'ufficio la Denuncia di Deposito comprensiva di documentazione tecnica firmata da Tecnico abilitato . Nel caso in cui risulti incompleta, verrà richiesta dall'Ufficio l'integrazione necessaria.

 

REQUISITI

Essere proprietario o avente titolo.

 

DOCUMENTI DA PRESENTARE

Tutti i seguenti documenti tecnici datati, timbrati e firmati in originale dal progettista e direttore dei lavori

  • n. 3 copie Denuncia di Deposito (modulo “D.2”);
  • n. 3 copie Dichiarazione/Asseverazione del Progettista (modulo “A.3-D.3”);
  • n. 3 copie del progetto architettonico completo datate, timbrate e firmate in originale dal Progettista architettonico dell'intero intervento e vistate dal Direttore dei lavori Strutturali dell'intero intervento;
  • n. 3 copie della relazione di calcolo strutturale, comprensiva di una descrizione generale dell'opera e dei criteri generali di analisi e verifica comprensiva, in apertura, della “Illustrazione sintetica degli elementi essenziali del progetto strutturale” ex D.G.R. Emilia Romagna 1373/2011;
  • n. 3 copie piano di manutenzione della parte strutturale dell'opera;
  • n. 3 copie della relazione sui materiali;
  • n. 3 copie elaborati grafici esecutivi e particolari costruttivi;
  • n. 3 copie eventuali relazioni specifiche, (valutazione della sicurezza;...)
  • n. 3 copie relazione sulle fondazioni;
  • fotocopia del codice fiscale, della carta d'identità del committente;
  • visura camerale (per le ditte committenti);
  • quietanza del versamento per rimborso forfettario;
  • estratto cartografico del RUE (tavola 2 – tutele e vincoli) con individuazione del sito di intervento
  • la pratica deve essere completa di marca da bollo da € 16,00 

 

 

COSTO

Per il calcolo vai all'allegato 2 della  DGR 1934-2018

N.B.: Il rimborso forfettario non è soggetto alla ritenuta  a titolo di acconto dell'imposta dovuta dai beneficiari di cui all'art. 25 del L. 78/2010 convertito nella L.122/2010 e successive modificazioni. 

ATTENZIONE: inserire sempre nella causale che si tratta di PRATICA SISMICA

 

TEMPI DI RILASCIO

Controllo a campione tramite sorteggio casuale.

 

ALTRE INFORMAZIONI

Procedura attuabile solo per gli interventi di riparazione e gli interventi locali definiti al paragrafo 8.41 del DM 17/01/2018 e specificati al paragrafo C8.4.1 della relativa circolare n. 7/2019 che NON riguardano:
- abitati dichiarati da consolidare, di cui all'art. 11 comma 2 lettera a) della LR19/08,
- violazione alle norme tecniche antisismiche, di cui all'art. 11 comma 2 lettera b) della LR 19/08,
- costruzioni di interesse strategico o rilevante, di cui all'art. 11 comma 2 lettera b) LR 19/08
sono assoggettati a DEPOSITO ai sensi dell'art. 93 del DPR 380/01 e sottoposti a controllo a campione secondo la normativa regionale vigente.

 

DOVE RIVOLGERSI  

Unione dei Comuni della Bassa Romagna 
Ufficio Unico per l'esercizio delle Funzioni Sismiche 
Piazza Trisi, 4 - 48022 Lugo (RA)

Uffici e servizi - sede, orari, contatti   

 

RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

Ing. Arch. Fabio Minghini

 

NORMATIVA DI RIFERIMENTO  

 
Delega (80kB - PDF)
FASE 1: documentazione a corredo del deposito
FASE 2 (eventuale): presentazione variante NON sostanziale 
FASE 3: documentazione a corredo della chiusura dei lavori
-----------

 

 

 

Aggiornamento 10 Luglio 2019

 

Servizi per fasce d'età e di interesse

 
 

Come fare per

 
 
Esprimi il tuo parere sulla pagina
 
 
Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative*
Si
No, e ti dico il perchè
 
Dettagli
 
Nome e cognome