Cosa fa il Servizio Sociale per le persone disabili? - Unione dei Comuni della Bassa Romagna

Skip to main content
 
 
Sei in: Home » Guida ai Servizi » Sociale » Servizio Sociale e Socio-Sanitario » Cosa fa il Servizio Sociale per le persone disabili?  

Guida ai Servizi

 

Cosa fa il Servizio Sociale per le persone disabili?

DESCRIZIONE

Il Servizio Sociale e Socio-Sanitario dell'Unione realizza interventi a sostegno delle persone disabili e delle loro famiglie, residenti nei 9 Comuni dell'Unione, per la piena valorizzazione delle potenzialità e delle opportunità individuali nonchè per la migliore integrazione/inclusione sociale.

Per garantire risposte integrate e maggiormente consone ai bisogni degli utenti, il Servizio collabora con i Servizi sanitari dell'Azienda USL, i Centri di Formazione Professionale, le Cooperative Sociali, le Associazioni e gli Organismi del Terzo Settore in genere.
Insieme a tali attori assicura alla persona disabile contesti che facilitino lo sviluppo delle potenzialità individuali, allo scopo di favorire la permanenza nel nucleo d'origine, e alla famiglia un sostegno nel compito di cura.
Qualora non sussistano le condizioni, viene garantita un'eventuale presa in carico della persona in strutture residenziali.

La realizzazione di questi obiettivi avviene attraverso i seguenti interventi:

  • Interventi domiciliari;
  • Interventi di sostegno al lavoro;
  • Interventi diurni;
  • Interventi residenziali.

L’integrazione degli adolescenti disabili viene favorita anche attraverso il sostegno nella Formazione Professionale, con l’assegnazione di personale educativo. E’ un percorso formativo che si avvale di "progetti individualizzati" tendenti ad evidenziare interessi e potenzialità, a recuperare autonomie e motivazioni per una crescita personale e professionale al fine di consentire la transizione nel mondo del lavoro. La Formazione Professionale può attivare percorsi riservati alle disabilità acquisite; le attività del corso sono riferite al recupero sociale e professionale di persone con esiti da trauma e comunque di svantaggio acquisito.

Per una migliore acquisizione di competenze, sono previsti tirocini presso Enti, Aziende, Cooperative Sociali, con l'obiettivo di uno sbocco lavorativo, occupazionale o socio-occupazionale.

A CHI E’ RIVOLTO

Persone disabili residenti nei nove Comuni dell'Unione.

DOVE RIVOLGERSI

Le persone disabili e/o i loro familiari possono rivolgersi all' Assistente Sociale del Comune di residenza  che, con uno o più colloqui conoscitivi, concorda con le persone l'avvio dell'intervento.

MODALITA'

Per richieste di assistenza economica, attraverso l'Assistente Sociale territoriale, il richiedente inoltra domanda su apposito modulo allegando il certificato ISEE. La domanda corredata da relativo progetto dell'Assistente Sociale sarà esaminata dalla Commissione Assistenza.

Per l’Assistenza domiciliare la famiglia si rivolge all'Assistente Sociale e assieme compilano l'apposito modulo di richiesta. Successivamente, previo accordo con la famiglia, l'Assistente Sociale effettua una visita domiciliare e concorda il progetto di intervento con la famiglia medesima.

Per l’Inserimento lavorativo, previa acquisizione del certificati di invalidità civile con Diagnosi Funzionale, occorre iscriversi al Collocamento Ordinario presso il Centro per l'Impiego (Via Piazza Carducci,16 - Lugo). Un operatore preposto, attraverso un colloquio individuale, fornirà le necessarie informazioni.

La famiglia presenta domanda di inserimento nei Centri Socio-occupazionali, Socio-riabilitativi Diurni o Residenziali all’Assistente Sociale territoriale che sottopone il progetto d’inserimento al Coordinatore del Servizio Anziani e Disabili e alla Commisione Assistenza, rispettivamente per le proprie competenze.

COSTI

Per usufruire del Servizio di Assistenza Domiciliare è prevista una quota oraria di compartecipazione al costo della prestazione.

Per la frequenza ai Centri Socio-occupazionali e Socio-Riabilitativi Diurni è prevista una contribuzione qualora si usufruisca della mensa e/o del trasporto o in alternativa di una quota giornaliera di presenza.

Per l’inserimento in strutture residenziali è richiesta una compartecipazione commisurata al reddito.

 

11 aprile 2014

 

Servizi per fasce d'età e di interesse

 
 

Come fare per

 
 
Esprimi il tuo parere sulla pagina
 
 
Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative*
Si
No, e ti dico il perchè
 
Dettagli
 
Nome e cognome