Bonus acqua (nazionale ed integrativo locale) - Unione dei Comuni della Bassa Romagna

Vai ai contenuti principali
 
 
Sei in: Home » Guida ai Servizi » Sociale » Sostegno economico » Per tutti » Bonus acqua (nazionale ed integrativo locale)  

Guida ai Servizi

 
Condividi
 

Bonus acqua (nazionale ed integrativo locale)

DESCRIZIONE

Riduzione sulla bolletta dell'acqua destinata a famiglie con disagio economico, a famiglie numerose (da intendersi con 4 o più figli a carico) per un periodo di 12 mesi a decorrere dalla data di inizio agevolazione, rinnovabile entro la scadenza dell’agevolazione stessa, riconosciuto da Arera (Autorità nazionale di Regolazione per energia Reti e ambiente) ed ulteriore riduzione sulla bolletta, se soggetta anche al pagamento dei servizi di fognatura e depurazione, riconosciuta da Atersir (Agenzia Territoriale dell’Emilia -Romagna per i Servizi Idrici e Rifiuti), sempre per un periodo di 12 mesi e rinnovabile entro la scadenza.

REQUISITI

- essere residenti in un Comune dell'Unione;
 - essere utenti domestici con un contratto di fornitura dell'acqua, relativo all'abitazione di residenza, diretto o condominiale.
 - possedere, per il disagio economico, un'attestazione ISEE ordinario o corrente con valore non superiore a € 8.265 (dal 1° gennaio 2020);
 - possedere, per le famiglie numerose, un'attestazione ISEE ordinario o corrente con valore non superiore a € 20.000;
 
Dal 1° febbraio 2020  se il richiedente è già beneficiario di RdC/PdC (Reddito o Pensione di Cittadinanza), l'attestazione ISEE ordinario o corrente può essere superiore a € 8.265 ma non superare il valore di € 9.360 (limite previsto per l'accesso al RdC/PdC).

MODALITA' PRESENTAZIONE DOMANDA:

La richiesta del bonus acqua (sia nazionale che integrativo locale) deve essere presentata dall'intestatario del contratto o da altra persona del nucleo familiare anagrafico, su appositi moduli di domanda, allo Sportello Sociale Educativo del Comune di residenza,  già a partire dal 1° luglio 2018.

Attenzione: Vista l'Emergenza Coronavirus il rinnovo del bonus che sarebbe da presentare entro il 31 marzo o il 30 aprile è posticipato rispettivamente al 31 maggio ed al 30 giugno, per vedersi comunque garantita la continuità del bonus per ulteriori 12 mesi (Delibera ARERA 76/2020)

DOCUMENTI DA PRESENTARE
  Per accedere sia al bonus acqua nazionale che al bonus acqua integrativo locale è necessario presentare al momento della domanda:

- apposita modulistica, correttamente compilata, messa a disposizione da Arera ed Atersir (vedi fondo pagina);
 - attestazione ISEE ordinario o corrente in corso di validità oppure in sostituzione Allegato CF;
 - autocertificazione figli a carico (solo per le famiglie numerose)- Allegato Famiglie Numerose;
 - fotocopia dell'ultima bolletta dell’acqua dalla quale si possano individuare codice di fornitura e denominazione gestore idrico (il soggetto che emette la bolletta).

N.B. Nel caso di un utente indiretto queste ultime due informazioni non sono obbligatorie, ma è assolutamente preferibile averle a disposizione al momento della presentazione della domanda.

 

MODALITA’ EROGAZIONE BONUS:
L'erogazione del bonus acqua avviene con modalità differenti:

  •  Per gli utenti diretti, l'erogazione avviene in bolletta: l'ammontare annuo è erogato pro-quota giorno e ogni bolletta che contabilizzi i consumi relativi al periodo di agevolazione riporterà una parte del bonus proporzionale al periodo cui la bolletta medesima fa riferimento.
  •  Per gli utenti indiretti, il gestore provvederà ad erogare il bonus in un’unica soluzione, ad esempio mediante accredito sul conto corrente (bancario o postale) o con un assegno circolare non trasferibile o con qualsiasi altra modalità scelta dal gestore, purché tracciabile e quindi verificabile.

ALTRE INFORMAZIONI:
Il bonus acqua nazionale garantisce la fornitura gratuita di 18,25 metri cubi di acqua su base annua (pari a 50 litri/abitante/giorno) per ogni componente della famiglia anagrafica dell’utente. Tale quantità è stata individuata dal decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 13 ottobre 2016 come quella minima necessaria per assicurare il soddisfacimento dei bisogni fondamentali della persona. Il bonus garantirà, ad esempio, ad una famiglia di 4 persone di non dover pagare 73 metri cubi di acqua all’anno. 

In questa prima fase di attuazione, il bonus acqua integrativo locale è aggiuntivo a quello minimo previsto dalla regolazione nazionale quantificato in misura pari a 18,25 mc annui per ogni componente il nucleo moltiplicati per il 50% della tariffa di fognatura e 18,25 mc annui per ogni componente il nucleo moltiplicati per il 50% della tariffa di depurazione a prescindere dal consumo effettivamente fatturato dal gestore.

 

DOVE RIVOLGERSI

Sedi Sportelli Sociali

RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

Dott.ssa Carla Golfieri

NORMATIVA DI RIFERIMENTO

Deliberazione AEEGSI (oggi ARERA) n. 897 del 21 dicembre 2017 e relativo Allegato A
Deliberazione ARERA (ex AEEGSI) n. 227 del 5 aprile 2018
Deliberazione del Consiglio d'ambito di ATERSIR n. 45 del 29 maggio 2018
Decreto-legge 28 gennaio 2019, n. 4 convertito con modifiche nella legge 28 marzo 2019, n. 26
Deliberazione ARERA n. 499 del 3 dicembre 2019
Deliberazione ARERA n. 20203 del 14 gennaio 2020

 

 

TIPO DI PROCEDIMENTO

Complesso

 

Aggiornato al 19 marzo 2020

 

Servizi per fasce d'età e di interesse

 
 

Come fare per

 
 
Esprimi il tuo parere sulla pagina
 
 
Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative*
Si
No, e ti dico il perchè
 
Dettagli
 
Nome e cognome