Continua a crescere l'economia cooperativa per soci ed occupati - Unione dei Comuni della Bassa Romagna

Vai ai contenuti principali
 
 
Sei in: Home » Unione dei Comuni » News » Continua a crescere l'economia cooperativa per soci ed occupati  

Unione dei Comuni

 

Continua a crescere l'economia cooperativa per soci ed occupati

Si è tenuta la consueta Conferenza Stampa di fine anno di Legacoop Ravenna. Oltre ai preconsuntivi 2007, è stato illustrato e distribuito ai presenti il Rapporto sociale 2007, con dati relativi all'anno 2006. Giancarlo Ciani, responsabile del bilancio sociale di Legacoop Ravenna, ha sottolineato l'importante valenza del bilancio sociale, uno strumento importante nel monitoraggio interno, capace di registrare i flussi fra le cooperative aderenti e il territorio. "Un modo, ha detto Ciani, di farsi "leggere" con assoluta trasparenza e rispetto agli obiettivi e ai progetti di Legacoop". Le cooperative associate a Legacoop Ravenna, nei dati di preconsuntivo 2007, hanno fatturato 3 miliardi e 41 milioni di euro, lo scorso anno avevano realizzato 2,9 miliardi di euro. Gli occupati aumentano, passando dai 12.714 dello scorso anno ai 12.986 di quest' anno; il 51% degli addetti è rappresentato da donne e questo emerge dal rapporto sociale che evidenzia altri dati rispetto a quelli di preconsuntivo. Il risultato d'esercizio ha trovato buon andamento con il recupero di redditività da parte dell'agricoltura, in particolar modo dall'agroindustria, forte recupero di Fruttagel rispetto al 2006 e dei servizi agrotecnici con Terremerse che ritrova nell'anno segni positivi; anche la conduzione terreni manifesta segnali incoraggianti dovuti al recupero di redditività di alcune produzioni, in particolar modo quelle cerealicole e risente dei benefici di un'annata agraria complessivamente favorevole anche per le altre colture orticole e frutti vinicole. Il consolidamento delle strutture di Legacoop, continua pur non presentando indici di crescita esaltanti. Importante è l'ammontare del patrimonio netto che tocca gli 800 milioni di euro, erano 755 nel preconsuntivo 2006. Un tradizionale riscontro della fiducia dei soci nelle proprie imprese è rappresentato dal prestito sociale che tocca, quest'anno, i 464 milioni (i depositi 2006 ammontavano a 448 milioni). Il numero dei rapporti associativi supera le 180.000 posizioni: anche questo dato è allineato con le percentuali di crescita del giro d'affari delle 173 cooperative associate a Legacoop Ravenna. Il preconsuntivo è accompagnato da un rapporto sociale che "fotografa" i flussi fra le Associate e il territorio, rappresentando inoltre un importante e significativo monitoraggio interno. Si è detto dell'occupazione "rosa" che rappresenta il 51% dei lavoratori, ma vi è da considerare che nei C.d.A. delle associate solo il 15% ( in aumento) è rappresentato da donne. I dati complessivi realizzati in provincia di Ravenna, delle cooperative del gruppo Legacoop sono condizionati dalla bassa crescita dell'economia nazionale, mentre è stabile il valore aggiunto realizzato. Il trend economico finanziario è positivo, come rilevato dall'andamento dei preconsuntivi, anche l'integrazione fra cooperative e fra queste ultime e il territorio, è soddisfacente. Il presidente, Giovanni Monti, ha ricordato, illustrando i dati di preconsuntivo, come la cooperazione sia fortemente presente sul territorio, assicurando un'occupazione a tempo indeterminato all'85% dei suoi addetti. Il presidente di Legacoop ha poi ricordato i sei punti d'impegno prioritario per Legacoop, cominciando dai bisogni infrastrutturali del nostro territorio, E55, Porto e collegamenti ferroviari, per passare poi al Welfare, politiche sociali ed occupazionali, che segue in agenda al secondo posto. Al punto tre l'integrazione fra i progetti imprenditoriali dentro e fuori il movimento cooperativo. Al quarto la diffusione della cultura cooperativa e il coinvolgimento dei giovani nello sviluppo futuro delle strutture associate e dei loro progetti. Al quinto punto la partecipazione alle grandi scelte di programmazione territoriale: integrazione al PTR e aggiornamento del PTCP. All'ultimo punto, ma non meno importanti, le politiche energetiche e i relativi progetti di produzione, rete di servizi ed utilizzo.

 

Servizi per fasce d'età e di interesse

 
 

Come fare per

 
 
Esprimi il tuo parere sulla pagina
 
 
Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative*
Si
No, e ti dico il perchè
 
Dettagli
 
Nome e cognome