Edilizia sociale, dalla Regione Emilia Romagna 27 milioni di euro - Unione dei Comuni della Bassa Romagna

Vai ai contenuti principali
 
 
Sei in: Home » Unione dei Comuni » News » Edilizia sociale, dalla Regione Emilia Romagna 27 milioni di euro  

Unione dei Comuni

 
Condividi
 

Edilizia sociale, dalla Regione Emilia Romagna 27 milioni di euro

IN SINTESI:
La Giunta regionale ha prorogato al 27 febbraio 2009, il bando "Programmi di riqualificazione urbana per alloggi a canone sostenibile". I fondi a disposizione ammontano a quasi 27 milioni di euro (risorse dello Stato e della Regione).
L´assessore regionale Luigi Gilli ha detto che al centro degli interventi della Regione c´è "l´edilizia residenziale pubblica" e che si vuole continuare "a incrementare la qualità urbana, anche delle periferie e nei piccoli comuni".
Nella notizia si trovano informazioni dettagliate sugli interventi della Regione e il commento dell´assessore Gilli.

- Quasi 27 milioni di euro per riqualificare i centri urbani realizzando alloggi di edilizia residenziale sociale con una particolare attenzione ai piccoli Comuni.
Il bando regionale "Programmi di riqualificazione urbana per alloggi a canone sostenibile" (la nuova versione dei Contratti di Quartiere giunta alla terza edizione) è stato prorogato al 27 febbraio prossimo consentendo ai Comuni ulteriore tempo per la presentazione delle proposte di intervento.

Con il bilancio previsionale regionale 2009 è stato aumentato lo stanziamento per sostenere il programma: quindi in Emilia-Romagna le risorse pubbliche (Stato e Regione) disponibili per il 2009 sono, esattamente, 26,6 milioni di euro e serviranno a realizzare alloggi in affitto (75%) e servizi di quartiere (25%) con una riserva del 50% a favore dei Comuni con popolazione non superiore a 15 mila abitanti.

"Al centro degli interventi della Regione - ha dettoLuigi Gilli assessore regionale allo sviluppo territoriale e alla cooperazione col sistema delle autonomie - continuiamo a mettere l'edilizia residenziale pubblica, puntando a incrementare la qualità urbana, anche delle periferie e nei piccoli comuni. Perciò si concentrano le risorse sul recupero degli immobili pubblici inutilizzati e si incentivano gli interventi di riqualificazione o di rigenerazione del tessuto urbano esistente. Inoltre la Giunta ha già previsto di incrementare ulteriormente le risorse disponibili per questo programma".
Inoltre ha aggiunto Gilli "il bando punta a qualificare gli interventi, oltre che per il livello di efficienzaenergetica, anche per i contenuti di qualità e accessibilità degli spazi pubblici, con particolare riguardo alla sicurezza urbana e alla mobilità sostenibile".

Gli alloggi possono essere realizzati o recuperati sia da operatori pubblici (Comuni e Acer) che da operatori privati (imprese, cooperative, fondazioni, ecc) e possono essere destinati sia alle fasce sociali in possesso dei requisiti per l'accesso al sistema dell'edilizia residenziale pubblica sia a categorie di cittadini che superano i limiti di accesso all'erp ma che si trovano comunque in condizioni di disagio abitativo.
Gli alloggi realizzati da operatori privati, se oggetto di finanziamento, dovranno essere locati per un periodo non inferiore a 25 anni.
Nella predisposizione dei Programmi di riqualificazione urbana per alloggi a canone sostenibile , saranno privilegiate le amministrazioni comunali che mediante lo strumento urbanistico hanno incrementato il patrimonio di aree da destinare all'edilizia residenziale sociale, potendo mettere a disposizione una quota di tali aree o immobili a titolo gratuito per la realizzazione o il recupero di alloggi sociali.

 

Servizi per fasce d'età e di interesse

 
 

Come fare per

 
 
Esprimi il tuo parere sulla pagina
 
 
Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative*
Si
No, e ti dico il perchè
 
Dettagli
 
Nome e cognome