Festa dell’Europa in Bassa Romagna - Unione dei Comuni della Bassa Romagna

Vai ai contenuti principali
 
 
Sei in: Home » Unione dei Comuni » News » Festa dell’Europa in Bassa Romagna  

Unione dei Comuni

 

Festa dell’Europa in Bassa Romagna

 

Il 9 maggio, data della storica dichiarazione di Schuman, ricorre la festa dell'Europa come occasione per celebrare la pace e l'unità in Europa.

Anche i Comuni della Bassa Romagna festeggiano con una serie di iniziative che si svolgeranno sul territorio dell'Unione durante tutta la settimana.

Evento capofila è il meeting internazionale conclusivo del progetto Energy@School , che ha come tema la cultura del risparmio energetico e che vedrà protagoniste anche le scuole del territorio. Proprio per la sua natura, l'evento è stato inserito nell'ambito della European Green Week, la settimana verde europea dedicata all’approfondimento delle tematiche ambientali.

 

Il meeting si svolgerà dall’8 al 10 maggio presso la Rocca di Lugo con la partecipazione dei partner provenienti da Austria, Croazia, Germania, Polonia, Slovenia, Ungheria , rappresentanti del programma di cooperazione territoriale Central Europe , istituzioni e stakeholders del territorio interessati al tema del risparmio energetico.

La conferenza di chiusura, che si svilupperà su due giornate, il 9 e 10 maggio dalle ore 9 presso il Salone Estese, è aperta al pubblico e toccherà da vicino il tema dell’efficientamento energetico degli edifici pubblici alla luce dei risultati del progetto.

 

Nella mattinata del 9 maggio avverrà inoltre la proiezione in tutte le scuole della Bassa Romagna del video di sensibilizzazione sul risparmio energetico "Energy for Culture, Culture for Energy"  realizzato dagli studenti delle scuole di Fusignano che hanno lavorato attivamente al progetto Energy@School.

 

In questi due anni siamo stati coinvolti in un progetto chiamato "Energy@School" il cui scopo era quello di insegnarci a risparmiare energia – inizia così la testimonianza degli alunni della scuola elementare di Fusignano  - Ad esempio, se fuori è una bellissima giornata, piuttosto che accendere la luce nelle case, è meglio fare entrare la luce naturale del sole. Questa ed altre cose ci sono state insegnate attraverso giochi, video ed attività di gruppo, perciò è stato tutto molto divertente. Abbiamo realizzato disegni e slogan a favore del risparmio energetico e di conseguenza dell'ambiente che così sarà più protetto e pulito. Uno degli slogan da noi elaborati è stato "Spreco meno energia, spengo la luce e via!".

Oltre al " trucchetto" di utilizzare la luce del sole al posto di quella elettrica, un altro consiglio è stato quello di sostituire le luci normalmente usate nelle nostre case con luci a led a basso consumo.

Tra tutte le attività quella che più ci ha entusiasmato è stata il momento della sfida a distanza con le altre scuole europee in cui i “ghosts” ci avvertivano quando il consumo era più elevato del normale. Noi ci siamo impegnati moltissimo per trovare le giuste soluzioni e sprecare meno energia, sono stati momenti davvero speciali e coinvolgenti”.

 

Anche gli alunni delle classi 3A, 3B, e 3C, della Scuola Media di Fusignano, hanno voluto condividere la loro esperienza:

 

Nell’anno scolastico 2017/18, noi studenti, abbiamo cominciato ad affrontare le tematiche riguardanti le energie e tutte le prime informazioni sul sistema energetico sia della nostra scuola, che della nostra Nazione. Fin da subito, abbiamo ritenuto importante definire delle regole per il successo di questo progetto, le regole delle quattro C : conoscere, comprendere, cambiare (le abitudini) e collaborare (da soli non si fanno i cambiamenti).

Quest’anno, invece, il progetto è stato organizzato in due fasi:

- nella prima abbiamo parlato di educazione ambientale e di come rapportarci in maniera positiva con tutto ciò che ci circonda. Abbiamo trattato tutti gli approfondimenti del settore energetico come fonti rinnovabili ed esauribili, impatto ambientale e problematiche italiane;

- nella seconda parte, da gennaio fino ad aprile, abbiamo cominciato a monitorare i consumi (tre volte al giorno ogni mattina) della nostra scuola sia scaricando i dati elaborati da sensori installati precedentemente nelle nostre aule e reperibili in un cruscotto online, sia da rilevazioni manuali (come nel caso dei consumi del gas). Questi dati servivano per il gioco di Energy@School. Infatti, a conclusione di tutto il progetto, dove erano coinvolte moltissime scuole di sette paesi europei, dovevamo gareggiare inserendo i nostri consumi in un’applicazione.

Tutti i giorni per due mesi siamo stati impegnati in questo lavoro. Ci siamo organizzati in squadre, quattro Junior Guardians ed un Senior Guardian (un insegnante) per ogni classe, ed abbiamo affrontato il gioco con molta serietà sia nell’inserire i dati rilevati nell’app sia nell’eliminazione dei Ghost (i fantasmini che indicavano i comportamenti sbagliati dei nostri consumi e che andavano eliminati attraverso buone pratiche).

In totale eravamo 12 Junior Guardians e sette Senior Guardians.

Crediamo di avere vinto per la preparazione che abbiamo avuto, per il nostro impegno costante, e nell’ultimo periodo abbiamo sentito molto la gara” .

 

Gli studenti dell'istituto comprensivo "L. Battaglia" di Fusignano saranno inoltre coinvolti nella mattinata di giovedì in un Junior BarCamp , un laboratorio interattivo in chiave green sui temi dell'energia. Nel pomeriggio gli studenti illustreranno agli ospiti internazionali i risultati del progetto Energy@School.

 

Nelle stesse giornate in cui si svolge il meeting finale, una delegazione della scuola croata “Osnovna škola Rečica” di Karlovac , vincitrice del gioco sul risparmio energetico insieme all'istituto "Battaglia" di Fusignano, vivrà l’esperienza di uno Study Tour in Bassa Romagna.

Gli studenti croati parteciperanno alle attività previste il 9 maggio nella scuola di Fusignano, ed il giorno successivo si recheranno a Ravenna per prendere parte a un laboratorio sulla cittadinanza europea nell'ambito del progetto Europe - Percorso sull'Europa in Romagna, di cui l’Unione è partner insieme ai comuni di Ravenna e Cervia e all’Unione della Romagna Faentina. Nel pomeriggio di venerdì, la classe avrà la possibilità di scoprire i tesori di Ravenna che sono stati inseriti tra i patrimoni dell’Umanità protetti dall’UNESCO.

 

 

La Festa dell’Europa viene celebrata anche nei Comuni dell’Unione. Nei giorni scorsi sono state protagoniste le VAP , le vetture a pedali, che sono scese in pista sabato 4 maggio e lunedì’ 6 maggio rispettivamente a Cotignola e Lugo, con delle competizioni internazionali.

 

Martedì 7 maggio , alle ore 20:30 presso il Salone Estense della Rocca di Lugo, si svolgerà l’incontro “L’Europa per i giovani – oltre i confini ”. Le classi 2^ASU, 2^ CSU, 3^ASU e 3^ CSU del Liceo Ricci Curbastro che hanno partecipato ai viaggi di istruzione a Strasburgo e Norimberga, insieme ad alcuni ragazzi che hanno aderito a progetti europei presenteranno la propria esperienza di Europa.

Gli interventi saranno accompagnati da brani eseguiti da allievi della Scuola di Musica Malerbi di Lugo.

 

Giovedì 9 maggio  la festa dell’Europa animerà anche il centro di Bagnacavallo  con un’iniziativa promossa in piazza della Libertà da un gruppo di associazioni bagnacavallesi in collaborazione con il Comune e l’Istituto comprensivo Berti.

 

Si inizierà alle 19.30 con la sfilata delle bandiere  con gli alunni delle classi prime e seconde delle scuole secondarie di primo grado di Bagnacavallo e Villanova. La serata proseguirà all’insegna della musica con il concerto delle classi terze e i ragazzi di Neresheim, intervallato dai saluti istituzionali e dalla premiazione del concorso internazionale Un Poster per la Pace  (anno 2018/2019) a cura del Lions Club Bagnacavallo. Alle 21 si proseguirà con la premiazione del concorso La mia Europa  e con il gioco a quiz Dr.Why sul tema Europa per ragazzi e adulti. La festa si concluderà alle 22 con la consegna dell’attestato “cittadini d’Europa” ai ragazzi italiani e tedeschi che hanno partecipato allo scambio culturale e con la premiazione del quiz.

 

Alcune delle iniziative illustrate rientrano nell’ambito del progetto dell’Unione “In Bassa Romagna Vivi l’Europa” , che è risultato primo nella graduatoria regionale dei progetti a valenza internazionale  e riceverà un contributo dalla Regione di circa 12mila euro, pari a circa il 70% dei costi totali di progetto. Presentato in partnership con i comitati o associazioni di gemellaggio presenti nei Comuni dell’Unione, o con gli stessi Comuni laddove un comitato non sia formalmente costituito, e molte delle città gemelle in Europa, il progetto ha l’obiettivo di sviluppare una piattaforma di rete dei Comuni dell’Unione e dei comuni europei gemellati, in favore delle giovani generazioni.

 

Servizi per fasce d'età e di interesse

 
 

Come fare per

 
 
Esprimi il tuo parere sulla pagina
 
 
Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative*
Si
No, e ti dico il perchè
 
Dettagli
 
Nome e cognome