Hera si confronta con gli stakeholder: presentato a Ravenna il Bilancio di Sostenibilità 2007 - Unione dei Comuni della Bassa Romagna

Vai ai contenuti principali
 
 
Sei in: Home » Unione dei Comuni » News » Hera si confronta con gli stakeholder: presentato a Ravenna il Bilancio di Sostenibilità 2007  

Unione dei Comuni

 

Hera si confronta con gli stakeholder: presentato a Ravenna il Bilancio di Sostenibilità 2007

Durante i convegno del 22 maggio, al Pala De Andrè di Ravenna, Hera ha presentato il Bilancio di Sostenibilità 2007, prezioso strumento di rendicontazione delle attività e dei risultati conseguiti e canale di informazione e di dialogo con gli stakeholder sul territorio. Lo scorso anno il Bilancio 2006 era valso ad Hera l'Oscar di Bilancio, il più prestigioso riconoscimento alle aziende che si sono distinte per la migliore comunicazione economica, sociale e ambientale.

Alle testimonianze e alle valutazioni dei rappresentanti degli stakeholder del Gruppo è stata riservata la parte centrale del convegno: sindaci e amministratori, sindacalisti e fornitori, esponenti di associazioni di consumatori, membri dei Consigli Consultivi creati per facilitare la comunicazione tra Hera e i cittadini residenti nei pressi degli impianti gestiti, hanno concordato nel sottolineare l'importanza del valore aggiunto distribuito nel 2007 dal Gruppo Hera e quantificabile in 798 milioni di euro (di questi, oltre 649 destinati agli stakeholder del territorio).

Una lettura autorevole del Bilancio di Sostenibilità e del ruolo di Hera l'ha fornita Mario Tozzi, Primo Ricercatore CNR IGAG e popolare conduttore televisivo, che ha centrato l'attenzione su un uso consapevole delle risorse idriche ed energetiche, portando l'Emilia-Romagna a esempio di efficienza. In particolare, Tozzi ha sottolineato l'unicità del Rab (Consiglio Consultivo della Comunità Locale) definendolo "un'esperienza eccezionale, difficilmente ripetibile in molte altre regioni d'Italia, soprattutto per il livello di partecipazione dei cittadini".

Il Sindaco di Ravenna, Fabrizio Matteucci, ha dichiarato che "viviamo in un territorio ricco, con punti di eccellenza mondiali anche nei servizi gestiti da Hera. Proprio per questo, i cittadini sono ancora più esigenti e noi amministratori dobbiamo essere all'altezza. Per quanto riguarda Hera - ha precisato Matteucci -, dobbiamo concentrarci principalmente su tre temi: come riuscire a mantenere l'equilibrio in un'economia di mercato, come conciliare la qualità dei servizi con il contenimento dei costi e come crescere mantenendo il radicamento territoriale delle nostre aziende".

Il Bilancio presentato da Hera traduce in cifre questi principi e parla di emissioni dei termovalorizzatori mediamente inferiori del 76% ai limiti di legge, di registrazione ambientale EMAS per 8 nuovi impianti del Gruppo, di pieno rispetto delle quote assegnate dal Protocollo di Kyoto, di riduzione del 10% dell'indice di frequenza degli infortuni sul lavoro, di attenzione all'inserimento lavorativo di persone svantaggiate e al rispetto dell'ambiente nella selezione dei fornitori. Ma non solo. Il Bilancio consente anche di confrontare la qualità dell'acqua erogata da Hera con quella delle principali acque minerali in commercio, di apprezzare il miglioramento dei tempi medi di attesa allo sportello, di sapere che la quota di rifiuti urbani smaltiti in discarica è diminuita di due punti percentuali rispetto al 2006 e che la raccolta differenziata è salita al 38,6%, mentre sono calate al 24,7% le perdite di rete idrica.

La chiusura del convegno è stata affidata a Maurizio Chiarini, Amministratore Delegato di Hera S.p.A., che ha osservato: "La pubblicazione contestuale dei risultati economici di Bilancio e del Bilancio di sostenibilità rappresenta un elemento fondamentale e caratterizzante del Gruppo Hera, a garanzia dell'integrazione dei principi di responsabilità sociale nelle strategie e attività aziendali. La contestualità della rendicontazione sociale e ambientale con quella economica ha ancora più valore per il Gruppo Hera in quanto accompagnata da un livello massimo (A+) di applicazione delle linee guida GRI G3 e da riconoscimenti ricevuti anche a livello internazionale per la qualità e la trasparenza dimostrati".

 

Servizi per fasce d'età e di interesse

 
 

Come fare per

 
 
Esprimi il tuo parere sulla pagina
 
 
Il contenuto di questa pagina risponde alle tue aspettative*
Si
No, e ti dico il perchè
 
Dettagli
 
Nome e cognome